venerdì 26 maggio 2017

Una pubblicità efficace fai da te.

Come fare una pubblicità efficace per vendere velocemente un immobile?




Prima era la carta stampata la protagonista per pubblicizzare l'annuncio della vostra casa in vendita. Le riviste di annunci, le prime erano a pagamento, dopo negli anni novanta l'esplosione di quelle gratuite, erano il mezzo principale per attirare acquirenti a visitare la vostra casa. C'era lo spazio a pagamento solo per una foto, ma il più delle volte solo testo scritto, e neanche tante battute. Quindi dovevamo essere bravi a fare una descrizione sintetica, che lasciasse spazio alla curiosità e che fosse capace di emozionare il lettore.
Oggi la situazione del marketing è completamente cambiata, ed anche se potrebbe sembrare tutto più semplice pubblicizzare un immobile, visto i molteplici canali introdotti dal web, non è in effetti così. La pubblicità sui giornali si è ridotta, e adesso solo poche agenzie o qualche costruttore usano qualche rivista o quotidiano. Il resto passa chiaramente dal web. Nei portali settoriali, ma anche quelli di annunci economici generici, bisogna essere ancora più bravi a preparare la pubblicità.
Cosa conta dell'annuncio è come riusciamo a posizionarlo nelle pagine del sito internet dove è pubblicato. Se è nelle prime posizioni chiaramente  avrà più visualizzazioni, altrimenti rischia di perdersi fra una miriade di altri annunci. Non tutti sanno che gli annunci a pagamento, quelli che le agenzie inseriscono grazie ad abbonamenti non proprio economicissimi, hanno chiaramente una posizione di privilegio rispetto a quelli gratuiti. Quindi il primo suggerimento è investire.
Le foto che inserite sono strategiche. Mai inserire annunci senza foto, e se inserite le foto, devono essere fatte bene. Cercate di fotografare ogni singola stanza, mettetevi in un angolo a fare lo scatto, riuscirete a immortalare più parti e a fare uno scatto meno piatto. Se avete una fotocamera professionale con grandangolo è preferibile, l'ambiente sembrerà più ampio, anche se oggi  i cellulari hanno un’ottica di tutto rispetto. Occhio alla luminosità, magari usate qualche programmino gratuito per sistemare lo scatto in post produzione. Ne trovate tantissimi anche nelle App del vostro smartphone. Prima di scattare comunque cercate di sistemare l'ambiente. Dovete cercare di abbellirlo, magari con qualche vaso di fiori, o con qualche pianta. In cucina, nel centro tavola, potete mettere un bel vassoio con frutta, ed in sala accendete qualche luce d'atmosfera. Non riprendete ambienti con le persone.


Altro segreto è la descrizione dell'annuncio. Non dev'essere un elenco freddo di quante camere ci sono o quanti bagni, cercate invece di descriverlo mettendo in risalto le caratteristiche che possono fare presa, ricordando anche in che zona è ubicato, se è adatto alle famiglie oppure comodo per chi lavora in centro perché magari vicino alla fermata della tramvia.

Vi voglio inoltre ricordare l'APE, l'attestato di prestazione energetica. L'attestato redatto da un tecnico abilitato, di solito il costo va dai 100 ai 150 euro, è obbligatorio non solo per la vendita, ma anche per pubblicizzare il vostro immobile. Quindi la prima cosa da fare quando volere mettere in vendita la vostra casa è proprio far fare questo documento. L'APE ha durata 10 anni, a patto poi che non vengano trasformate le caratteristiche dell'immobile. E' un documento indispensabile. Alcune agenzie immobiliari, sbagliando, non lo chiedono. Attenzione! Ci sono salate sanzioni se ci fosse un controllo e il vostro appartamento in pubblicità ne fosse sprovvisto.
Un ultimo consiglio. Ci sono tanti bravi agenti immobiliari, forse a volte il fai da te, in questo settore può essere controproducente. Tra l'altro l'investimento iniziale è tutto sulle loro spalle. Se non volete fare passi falsi, e non volete compromettere la vendita della vostra casa, affidatevi ad un bravo mediatore, sarà realizzare insieme a voi la strategia marketing più adeguata alla vostra casa.

Vi lascio con degli scatti fotografici da noi realizzati grazie ad uno dei nostri fotografi professionisti, ricordandovi, che la prima volta, gli occhi di un cliente vedono della vostra casa le foto che pubblicate.

servizio fotografico


venerdì 12 maggio 2017

UN'OASI PARADISIACA


Per chi cerca un'oasi di pace vi consiglio di vedere questo link.Si chiama Casa Delle Fate. Ed è in vendita.Luogo paradisiaco tra le colline del Chianti nell'oasi di un piccolo comune toscano. Una bellissima unifamiliare dove dalla camera si esce direttamente in giardino dove si trova una splendida piscina di acqua salata a sfioro che si affaccia sulla vista panoramica.



martedì 9 maggio 2017

Come preparare la tua casa per la prima visita.

Come preparare la tua casa per la prima visita.
Non sei un home staging, non ti preoccupare segui questi consigli e avrai una casa da “colpo di fulmine”.

Quando hai la tua casa in vendita, con la giusta stima ed una pubblicità mirata (argomento del prossimo articolo), un elemento essenziale per una vendita perfetta, è farla trovare ordinata, pulita e non troppo piena di cose.
Quando un ipotetico acquirente entra per la prima volta nella vostra  abitazione, la prima impressione è basilare. Credete nei colpi di fulmine, io si, e come succede per le persone, credetemi, al 90% succede anche per le case. La prima impressione è importantissima, soprattutto per chi non è un esperto del settore. Quindi se mettete in vendita la vostra casa seguite i miei prossimi consigli, e sicuramente una visita di un probabile acquirente sarà più facile che si trasformi in una proposta. Se poi la visita è accompagnata da un agenzia, sicuramente agevolerete il loro lavoro, anche perché un buon gioco di squadra aiuta ad ottenere il risultato e l’obiettivo voluto.


PRIMO CONSIGLIO : LA CASA DEVE ESSERE PULITA
La casa deve essere come passata dalle classiche pulizie di pasqua. Attenzione alla cucina e a particolari dove all’acquirente può cascare l’occhio. In cucina sgrassare i fornelli e la cappa, come il lavabo, dove le rubinetterie dovranno brillare.  In bagno attenzione ai rivestimenti e al calcare dentro la doccia.
Cerca di pulire a fondo i pavimenti e i rivestimenti, pulisci anche le porte.


SECONDO CONSIGLIO: FAR TROVARE LA CASA CON IL MASSIMO DELLA LUCE.
Quando arriva un cliente fate trovare la casa con gli avvolgibili tirati su completamente e con i tendaggi aperti. Se è estate e la strada dove vi trovate non è rumorosa sono gradite le finestre aperte. Lo so che a volte è noioso alzare tutti gli avvolgibili, ma la luminosità in una casa è una caratteristica molto importante. Accendete anche qualche corpo illuminante nelle stanze più buie. E’ chiaro che in inverno le luci devono essere tutte accese. Se avete appena cucinato prima che arrivi il cliente areate la stanza. Anche un buon odore in casa è prioritario. Se in casa ci sono animali usa un assorbi odori. Non pensare a te che sei abituato, ricordati sempre che davanti hai una persona che non ha le tue stesse abitudini.


I prossimi consigli sono per esperti, infatti ci sono professioni che si occupano di “home staging” , una tecnica di marketing che consiste nella valorizzazione degli spazi delle proprietà immobiliari, migliorandone l'immagine in modo da favorirne la vendita o l'affitto nel tempo più breve e al miglior prezzo. Però anche te, magari facendoti aiutare ad amici e amiche di gusto, puoi dare quel tocco in più alla tua abitazione. In che modo?


TERZO CONSIGLIO: VERNICIARE LE PARETI E DISPORRE I MOBILI
Tinteggiare di nuovi colori la casa può avere risultati favolosi a poco prezzo. Scegli un colore che può stare bene con lo stile dei mobili e se le stanze sono piccole e poco luminose prediligi i colori chiari.
Anche la disposizione dei mobili è essenziale. Leva quelli che non usi. Una casa con troppi mobili sembra più stretta. Attenzione soprattutto all’ingresso deve essere accogliente. Usa qualche vaso in vetro con fiori. Soprattutto riordina tutto. Una bella libreria con libri ordinati e un divano con ottimi cuscini è sintomo di casa accogliente. Mi raccomando non ti far trovare con l’asse da stiro aperta e i panni da stirare sulla sedia.


QUARTO CONSIGLIO: ATTENZIONE AGLI SPAZI ESTERNI
Se hai dei balconi fa che siano pieni di fiori e non stipati di roba che non usi e se hai degli spazi esterni lavare bene, magari con un idrogetto i  vialetti, rivestimenti esterni ecc..
Il giardino deve essere con l’erba tagliata, al massimo può spuntare qualche margherità!


RISULTATI SICURI
Con questi piccoli accorgimenti otterrai grandi risultati. Una casa presentata male, anche se da rimodernare, può far scappare definitivamente probabili compratori. Al contrario se presentata bene avrai la certezza di aver fatto il possibile per vendere la tua abitazione alle migliori condizioni e l’acquirente, anche se dovrà fare una ristrutturazione, potrà pensare ad un risultato positivo se già la base di partenza è buona.
Spendendo poche centinaia di euro potrai ottenere una casa accattivante ed avere dal cliente una buona prima impressione, e il primo step per una perfetta vendita sarà compiuto con successo.




Vuoi ulteriori consigli sull’home staging 
CLICCA QUI

martedì 2 maggio 2017

Come stimare la tua casa.


Come stimare la tua casa.
Vuoi stimare la tua casa. Il mio consiglio è di rivolgerti ad un professionista, ma se proprio non vuoi,  ecco alcuni consigli.

Devi mettere in vendita la tua casa? Come più volte ricordato il primo consiglio è una stima corretta. Il mio consiglio è rivolgerti ad un professionista, solitamente un agente immobiliare che abbia buona conoscenza del mercato immobiliare locale, ma se proprio vuoi fare da solo ecco alcuni step che puoi seguire.

STEP. 1 SUPERFICIE COMMERCIALE RAGGUAGLIATA
Calcolare la superficie commerciale dell’immobile. Misura tutti vani interni della casa e fai la somma. Poi calcola la superficie delle terrazze e dei balconi e moltiplica per 0,30. Se c’è un garage, un sottotetto o una cantina fai la somma di tutto e moltiplica per 0,50. Se la casa è dotata di un giardino misuralo e moltiplicalo per 0,10. Poi aggiungere tutti questi prodotti alla superficie dei vani interni. Avrai ottenuto la superficie commerciale dell’abitazione.

Sotto trovi un elenco più preciso della superficie in percentuale che va conteggiata per la superficie commerciale ragguagliata.
balconi e terrazze coperte 30%
verande 60%
giardini di appartamento 15%
ville e giardini 10%
cantina 25%
box 40-80%
posto auto coperto/scoperto 25-50%
mansarde rifinite 80%
sottotetto grezzo 50%
locali interrati abitabili 60%

STEP. 2  TROVARE IL VALORE A MQ
Calcolare il valore a mq della tua casa significa sapere a quale prezzo a mq sono state vendute case simili nella zona dove si trova la tua. E’ chiaro che non è semplice se non si è molto esperti. Allora ti diamo un consiglio.
Grazie a questo servizio dell’Agenzia delle Entrate puoi individuare il prezzo a mq in qualsiasi località italiana si trova la tua abitazione. Ti verrà dato un prezzo minimo ed un prezzo massimo a seconda anche dello stato di conservazione della casa. Puoi eventualmente fare la media aritmetica dei due valori. E trovare il tuo valore a mq.

STEP. 3  TROVARE IL PREZZO BASE
A questo punto moltiplica la superficie commerciale che abbiamo individuato allo step1 per il prezzo a metro quadrato individuato allo step 2. Abbiamo il prezzo base della tua abitazione.

STEP. 4  ECCO LA STIMA

Attenzione adesso c’è il momento più delicato. Se non sei sicuro del passaggio successivo prendi in riferimento il prezzo base, ma se vuoi lavorare proprio come un professionista del settore, il prezzo della casa va parametrato con i valori estrinseci e intriseci che in linea di massima e in maniera indicativa sono le seguenti caratteristiche che vanno ad aumentare o a diminuire il prezzo base:

  1. le caratteristiche interne dell’unità immobiliare: in particolare, esposizione, luminosità, vista e piano (gli attici ed i piani alti valgono di più);
  2. il suo livello di qualità: il buono stato e una distribuzione “moderna” degli spazi, entrambi tipici di case nuove o ristrutturate, non aggiungono valore al prezzo base, perché sono dati per scontati, ma lo abbattono fino al 30% (il costo della ristrutturazione) se mancano;
  3. le caratteristiche ed il livello di qualità dello stabile: un bell’atrio, un giardino curato, materiali pregiati, etc., fanno lievitare il prezzo base;
  4. i servizi di zona: accresce il valore la presenza di aree verdi, vicinanza di mezzi di trasporto, centri commerciali, scuole, e così via.

Con queste indicazioni potrai trovare il prezzo della tua casa che vuoi mettere in vendita ed evitare di stimarla in base al tuo sentimento e i tuoi affetti, che possono farti fare lo scherzo di fare una valutazione fuori dal mercato, con il risultato che, anche se è una casa che merita, avrai pochissime visite dovute ad una stima sbagliata rischiando di compromettere anche per il  futuro il successo immobiliare della tua vendita.


Vuoi stimare gratuitamente la tua casa

lunedì 1 maggio 2017

Vuoi vendere la tua casa?



Primo passo: una stima adeguata


STIMA PARTE 1


Il prezzo o valore di mercato è dato dalla moneta (somma di denaro) corrisposta, nel momento in cui avviene lo scambio per un determinato bene economico.
Il valore di mercato si può definire come un prezzo di previsione che formula l’estimatore, infatti esprime il prezzo che si  reputa si debba pagare in cambio di un certo bene.
Il valore di stima è il giudizio formulato da un professionista  per un dato scopo ed un determinato fine (vendita/affitto) e può  variare in funzione dello scopo per cui viene eseguita la stima. Tale valore è quindi, un giudizio che parte da determinate premesse e si conclude e perfeziona con un prezzo.
 Calcolare il valore di un immobile è un'operazione non sempre facile. Questo perché il valore della stima non è basato solo sulle caratteristiche dell'immobile ma anche su fattori imprevedibili (quotazioni di immobili simili sul mercato, svalutazione, variazioni della domanda, ...) e su criteri soggettivi (grado di ristrutturazione, stato degli interni, vicinanza a mezzi pubblici o al posto di lavoro, ...).
Il valore soggettivo è ottenuto stabilendo un prezzo in base alle richieste del mercato attraverso raffronti, cercando di assegnare un valore monetario a caratteristiche non strutturali.
Valutare bene un immobile significa mettere in vendita l’immobile al giusto prezzo di mercato.
Nella compravendita immobiliare ci sono sempre due figure: un proprietario che non vorrebbe vendere a un prezzo più basso del valore reale del suo bene e, dall’altra parte, un acquirente che vorrebbe acquistare l’immobile al giusto prezzo. Ecco perché la valutazione dell’immobile assume un aspetto fondamentale per arrivare alla vendita o all’acquisto.
Quindi quando mettete in vendita la vostra casa e dovete trovare il valore più adeguato, dovete lasciare da una parte l’affetto per le vostre quattro mura, dove avete i ricordi della vostra vita, ma cercare di individuare il prezzo con cognizione e capire se il prezzo che decidete può essere concorrenziale con altri beni simile sul mercato.
Una stima errata può causare gravi danni alla vendita della vostra abitazione.
Quando uscite in pubblicità adeguare e correggere il valore in corso d’opera non è mai una operazione consigliata e compromette di gran lunga il successo della vostra iniziativa immobiliare.